Eroi ed Anti-Eroi – Cal Kestis

E’ il rosso protagonista di Star Wars Jedi: Fallen Order, è un ragazzo sulla ventina, sa usare bene la spada laser a mano singola, la doppia spada laser e quella a doppia lama. E’ addestrato ai poteri di base della Forza ed è miracolosamente scampato al disastroso Ordine 66 che ha posto fine all’Ordine dei Jedi. Cal Kestis è il personaggio principale del videogioco che fa il verso a Dark Souls. Un titolo ambientato nella galassia “lontana lontana” di Star Wars.

Questo articolo potrebbe contenere spoiler sulla trama di Star Wars Jedi: Fallen Order. Ne sconsiglio la lettura se tu fossi interessato a non rovinarti la scoperta e i colpi di scena previsti dal gioco.

Cal Kestis è un Padawan, un allievo Jedi che studia dal maestro Jaro Tapal. E’ sopravvissuto alle Guerre dei Cloni prima, e all’Ordine 66 poi. Dopo quest’ultimo si è rifugiato nel pianeta Bracca, spacciandosi per rottamatore e quasi dimenticando del tutto le vie della Forza.

E’ da lì che muove la trama Fallen Order, dal momento in cui Cal torna ad usare i poteri della Forza per impedire che un incidente sul posto di lavoro provochi delle vittime. E’ abbastanza per attrarre su di sé le attenzioni dell’Inquisizione, un manipolo di Sith addestrati all’epurazione di ogni singolo Jedi sopravvissuto.

Chioma rossa e passato tormentato: ecco Cal Kestis

Con la rocambolesca fuga da Bracca, Cal Kestis entra in contatto con l’equipaggio della Mantis, una piccola astronave capitanata da Greez Dritus, accompagnato dalla controversa e misteriosa Cere Junda. Con l’aiuto di nuovi alleati, Cal si decide di muovere, ancora, i passi nella Forza e ostacolare il nuovo, tirannico, Impero Galattico.

Dotato di poteri speciali che lo rendono eccezionale come pochi altri nella galassia, perde il suo unico legame affettivo durante l’Ordine 66 che costa la vita al suo maestro. Cal cresce in un pianeta diviso in schiavi e padroni e lui fa parte dei primi. La sua indole e il suon buon cuore lo portano a legarsi affettivamente con pochi e selezionati rottamatori di Bracca, arrivando ad intessere un legame di amicizia così forte da arrivare all’estremo sacrificio.

La nuova vita che si è creato Cal: Rottamatore di Bracca

E’ per amicizia – oltre che per bontà d’animo – che Cal Kestis torna ad usare i poteri della Forza facendo saltare irrimediabilmente la sua copertura. E’ per amicizia che uno dei rottamatori di Bracca si sacrifica per salvare Cal Kestis dalle spade laser dell’Inquisizione. Il pensiero di essere una minaccia per tutti coloro che ama, tormenta la mente del giovane Jedi tutto il tempo.

Quel che rende Cal Kestis un eroe fatto e finito, nonostante la maestria con la spada laser, la padronanza sempre più marcata con i poteri della Forza, è la sua pressoché incrollabile forza di volontà. Questo aspetto lo rende più umano e vicino a noi giocatori, più di quanto possiamo immaginare oppure ammettere. Perché non basta saper deviare laser con la spada, sapere mulinare questa seminando morte e distruzione, attingere ai poteri della Forza per sopravvivenza e per una giusta causa.

Cal Kestis sopravvive grazie alla padronanza di poteri della Forza

Anche il più valoroso dei guerrieri della luce, una volta spezzata la sua volontà, diventa il più temibile dei servi dell’oscurità. Cal Kestis supera prove importanti e profondamente segnanti soprattutto nella propria mente, là dove non può usare la spada laser o la Forza. E’ questo che lo rende un personaggio vicino a noi, più di quanto possano esserlo tanti altri protagonisti di videogiochi, eroi senza macchia e senza paura.

Cal Kestis ha più di una macchia, ha tanta paura, cede all’ira, al giudizio, in parole povere sbaglia. Umanamente cade nell’errore, ma si rialza e riprende il cammino che lo porta a diventare un vero Jedi. Tutto questo non sarebbe possibile, se non fosse per la sua forza di volontà.

Cal Kestis impara in fretta a combattere con due lame

Oltre alla forza di volontà, Cal Kestis gode di un dono molto raro, anche fra i soggetti sensibili alla Forza. E’ uno dei pochi Jedi che ha il dono della Psicometria, nota anche come postcognizione. E’ un potere della Forza, una tecnica mentale per raccogliere impressioni e tracce di informazioni sull’oggetto toccato e sugli eventi che lo hanno circondato. In altre parole, durante le sue esplorazioni, Cal può toccare un oggetto in particolare, legato a forti emozioni e riesce a riviverne alcuni, importanti momenti, legati alle sensazioni di chi – quell’oggetto – lo stava toccando.

Non solo avventure e battaglie. Meditazione: uno Jedi ha anche bisogno di quest’ultima per crescere.

Da anti-eroe ad eroe della nuova ribellione che nasce contro l’Impero Galattico, Cal Kestis è come araba fenice che sorge dalle proprie ceneri e, armato soprattutto di una forza di volontà incrollabile, riesce a superare ostacoli che hanno fatto tremare e cedere anche i più valorosi maestri Jedi. Gli antichi cavalieri della Vecchia Repubblica sono sopravvissuti ad un feroce genocidio, e il merito è anche suo.

Un pensiero riguardo “Eroi ed Anti-Eroi – Cal Kestis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.